carie dentale cause rimedi trattamenti e fattori di rischio negli adulti

Carie dentale cause, rimedi, trattamenti e fattori di rischio negli adulti

Carie dentale cause, rimedi, trattamenti e fattori di rischio negli adulti

Oggi parliamo della parodontite che è la principale colpevole della perdita dei denti in età adulta.

Questa malattia che colpisce le gengive non è l’unica causa dei problemi a carico del cavo orale che se sottovalutati, diagnosticati tardi o peggio ancora non trattati possono avere conseguenze anche gravi per la salute della bocca.
Tra le cause di perdita dei denti tra gli adulti c’è, infatti, anche la carie dentaria: sebbene nel percepito comune questa malattia sembri sostanzialmente innocua, bisogna invece prestare attenzione a non sottovalutarne lo sviluppo; se diagnosticata e trattata in tempo la carie non ha conseguenze importanti ma se la diagnosi arriva tardi le ripercussioni possono essere molto negative. La carie dentaria è una vera e propria malattia causata da una serie di batteri che prendono il nome di “batteri cariogeni”.

Questi batteri si cibano dei resti degli alimenti presenti nel nostro cavo orale e producono un acido in grado di attaccare lo smalto del dente demineralizzandolo.
Se si presentano le condizioni favorevoli per la proliferazione questi batteri, ad essere attaccato non è solo lo smalto del dente ma anche il tessuto sottostante, la dentina; in questo modo si può scatenare una vera e propria perforazione del dente in grado di arrivare alla polpa dentale e causare una patologia chiamata pulpite, ovvero l’infiammazione del nervo del dente.

Abbiamo detto che i responsabili della carie sono i batteri cariogeni; perché questi possano prosperare nella nostra bocca e causare la carie sono però necessari una serie di fattori,

e i più comuni sono:

  • Una scarsa igiene orale: L’accumulo della placca batterica che incrementa il rischio di carie.
  • Una dieta ricca di zuccheri e carboidrati: Queste tipologie di alimenti vengono digeriti dai batteri cariogeni e trasformati in acidi in grado di attaccare lo smalto del dente.
  • Mancanza di fluoro: Il fluoro è necessario per la rimineralizzazione dei denti.
  • Bocca secca: Una delle funzioni della saliva è proprio quella di eliminare i batteri; se nel cavo orale la saliva è poca i microrganismi dannosi si moltiplicano più facilmente e potenziano la loro attività.
  • Discontinuità nei controlli periodici dal dentista. Anche chi si lava i denti perfettamente corre il rischio di sviluppare la carie, soprattutto in quelle zone della bocca difficili da raggiungere e da pulire con lo spazzolino.

La carie può dare origine a diversi sintomi quando è ormai in uno stadio avanzato; nei primi stadi, infatti, questa malattia è di solito asintomatica e viene diagnosticata nelle visite di controllo dal dentista con una semplice esplorazione del cavo orale. Una carie non curata in tempo può richiedere un trattamento invasivo come la devitalizzazione oppure l’estrazione del dente (con conseguenze negative sulla funzionalità della bocca e quindi con la necessità di ulteriori interventi).
In altri casi una carie non diagnosticata può dare origine a infezioni, ascessi o altri disturbi del cavo orale come l’alitosi o la parodontite.

Se notiamo differenze cromatiche nel dente o avvertiamo dolore alla masticazione è sempre bene rivolgersi al proprio dentista di fiducia per un controllo; con le visite periodiche la situazione del cavo orale è costantemente sotto controllo ed è quindi molto difficile che tra una visita e l’altra si sviluppi una eventuale carie in grado di raggiungere uno stadio grave.

Nello Studio Dentistico Esposito Carlo sono sempre disponibili medici esperti in conservativa ed endodonzia; per prenotare una visita basta chiamare lo studio o compilare il form in questa pagina.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *